Lettori fissi

domenica 13 novembre 2016

Storia di una ladra di libri



È il 1939 nella Germania nazista. Tutto il Paese è col fiato sospeso. La Morte non ha mai avuto tanto da fare, ed è solo l'inizio. Il giorno del funerale del suo fratellino, Liesel Meminger raccoglie un oggetto seminascosto nella neve, qualcosa di sconosciuto e confortante al tempo stesso, un libriccino abbandonato lì, forse, o dimenticato dai custodi del minuscolo cimitero. Liesel non ci pensa due volte, le pare un segno, la prova tangibile di un ricordo per il futuro: lo ruba e lo porta con sé. Così comincia la storia di una piccola ladra, la storia d'amore di Liesel con i libri e con le parole, che per lei diventano un talismano contro l'orrore che la circonda. Grazie al padre adottivo impara a leggere e ben presto si fa più esperta e temeraria: prima strappa i libri ai roghi nazisti perché "ai tedeschi piaceva bruciare cose. Negozi, sinagoghe, case e libri", poi li sottrae dalla biblioteca della moglie del sindaco, e interviene tutte le volte che ce n'è uno in pericolo. Lei li salva, come farebbe con qualsiasi creatura. Ma i tempi si fanno sempre più difficili. Quando la famiglia putativa di Liesel nasconde un ebreo in cantina, il mondo della ragazzina all'improvviso diventa più piccolo. E, al contempo, più vasto. Raccontato dalla Morte - curiosa, amabile, partecipe, chiacchierona - "Storia di una ladra di libri" è un romanzo sul potere delle parole e sulla capacità dei libri di nutrire lo spirito.
Questo libro è stato pubblicato con il titolo "La bambina che salvava i libri".


Buongiorno amiche, riprendo nel mio blog anche a parlare di libri.
Forse non ve l'ho mai detto, ma i libri e i film che parlano della seconda guerra mondiale e della shoah sono i miei preferiti.

Dal punto di vista storico, il periodo della guerra non è mai bello e sopratutto quello del 40-45 è uno dei periodi più bui e drammatici della storia mondiale, ma per me i documenti che riguardano questo periodo hanno un so che di misterioso e affascinante... sopratutto perché più ci penso e più non riesco a spiegarmi come è stata possibile tutta la crudeltà che c'è stata.

Per questo libro, quindi, avevo aspettative piuttosto alte.
Se devo essere sincera però, mi ha deluso un pò perché mi aspettavo qualcosa di diverso; mi aspettavo un racconto incentrato di più sulla proibizione nazista riguardo ai libri, invece l'argomento è molto marginale e se ne parla solo in un momento della storia. 

Comunque l'ho trovata una lettura piacevole che ho fatto tutta d'un fiato!

E voi, avete letto questo libro? Cosa ne pensate?

A presto e buona domenica!
Dani

lunedì 31 ottobre 2016

Ricami insoliti

Quella di cui vi parlerò in questo post, è una tecnica di ricamo che ho conosciuto grazie a Francesca
Infatti, merito del suo blog, ho partecipato ad un S.A.L. riguardante la tecnica del ricamo su carta!

Come è successo per altri lavori, l'ho cominciato circa un paio d'anni fa... e ancora devo completare tutte le tappe! 

Però voglio lo stesso mostrarvi ciò che ho combinato!

Questa è la prima tappa, sul genere natalizio. Non ho usato il rosso perché mi sembrava un pò banale, ma lo stile natalizio si riconosce!


La seconda tappa, floreale e con un tocco di farfalle!


La terza tappa, in tema con la festa della donna!


E la quarta tappa, sempre floreale, che è stata la mia ultima tappa, ma non l'ultima del Sal!


La tecnica non è per niente difficile, è divertente e rilassante, quindi vi consiglio di provarla!
I corsi di Francesca sono sempre aperti, basta richiederli via email! 
Inoltre, se scorrete nella colonna di destra del suo blog, trovate l'elenco completo dei corsi tenuti da Francesca!

Grazie per avermi letto con pazienza!
A presto!
Dani

venerdì 21 ottobre 2016

Tovagliolo per la scuola

Eccomi qua, a scrivervi dopo qualche mese dall'ultima volta... se continuo di questo passo vi dimenticherete di me!
Sto scherzando, ovviamente, e vorrei recuperare il tempo perso partendo da questo lavoretto di ricamo:


Mi era stato chiesto da mio cugino per la sua bambina e si tratta di un tovagliolo da tenere sul banco al momento della merenda, in modo da non sbriciolare troppo sul banco e a terra.
Che ne dite, vi piace?

L'ho eseguito a punto croce, in un angolo del tovagliolo, appuntandovi sopra una tela così:


Ho passato dei punti lenti e lunghi, ma in modo abbastanza ravvicinato, e per tenere ferma la tela ho usato anche degli spilli.

Una volta terminato il ricamo, ho appuntato i fili sul retro e ho sfilato la tela, proprio filo per filo.


Non mi sono mai ricordata di chiedere a mio cugino e sua moglie se il ricamo sul tovagliolo ha retto bene ai lavaggi e se si fosse rovinato, magari allentandosi i punti... devo proprio saperlo!

E voi, usate questa tecnica per ricamare su tessuti che non siano quadrettati come la tela aida?
Come vi ci trovate?

Grazie mille e a presto!
Dani

venerdì 19 agosto 2016

Torno in punta di piedi...

Buongiorno a tutti.

Come dice il titolo, torno tra di voi... finalmente!

In tutti questi mesi in cui non ho scritto nessun post, non ho smesso di pensare a questo angolino, alle persone che virtualmente ho conosciuto grazie a lui, e tanti pensieri si sono affollati nella mia mente... fin quando sono stata molto indecisa: chiudere il blog o rinnovarlo?

Sono sincera, l'idea di chiudere il blog e far finire così la mia avventura nella blogosfera mi dispiaceva molto... in fondo è nato per gioco... o meglio, per sfida verso coloro che non hanno mai apprezzato la mia personalità e il mio modo di approcciarmi alla vita... quindi la mia decisione ultima è stata di non arrendermi e continuare a esprimermi in libertà: il blog rimane!

Il rinnovamento è ancora un w.i.p. nella mia testa... ma intanto sono tornata tra di voi e questo mi fa immensamente piacere!

Bene, per oggi la smetto di dilungarmi e vi lascio un bacio!
A presto!
Dani

lunedì 29 febbraio 2016

29 febbraio 2016

Buongiorno a tutti, ecco il ritaglio di oggi da Qumran2.net:

Possedere
(San Gregorio Magno)

O Signore, fa' che io comprenda quale grande pace e sicurezza ha il cuore che non desidera cosa alcuna di questo mondo. Infatti, se il mio cuore brama di ottenere i beni terreni, non può essere né tranquillo né sicuro, perché cerca di avere quello che non ha o di non perdere quello che possiede.

Insieme a questo ritaglio, vorrei anche dire una cosa.

Ultimamente sono stata molto discontinua nel pubblicare i miei post, in parte per mancanza di tempo, in parte per impegni personali, e in parte anche perché sto cercando di riflettere se questo mio blog, come è stato impostato nei contenuti fino adesso,  possa ancora essere interessante come lo era nei primi tempi in cui scrivevo.

Infatti, con il passare del tempo, ho notato un progressivo scemare di commenti e apprezzamenti da parte di voi che, spero, mi leggete nel silenzio.

Quindi sto riflettendo se dare una nuova impostazione al mio blog o continuare su questa strada... per ora mi limiterò a seguire "l'ispirazione del momento" e spero di giungere presto ad una conclusione.

Ovviamente, se avete consigli per me, sono ben accetti!


Grazie ancora e buon proseguimento di giornata a tutti.
Dani

martedì 16 febbraio 2016

15 febbraio 2016


Sono 3 anni che ho aperto questo blog... ultimamente h poco tempo da dedicargli, ma sono lo stesso felice che sia presente, nel suo piccolo, nella mia vita e in questa baraonda che è internet!

Una baraonda che però mi permette di crescere, di scoprire nuove cose e di rendere una piccola testimonianza di luce nl buio dell'impersonalità di internet.

Quindi, caro il mio blogghino, tanti auguri a te!

E a voi tutti, un buon proseguimento di giornata!
Dani

venerdì 12 febbraio 2016

12 febbraio 2016

Buongiorno a tutti, ecco il ritaglio di oggi da Qumran2.net:

Il nome di Dio
(Rabindranath Tagore)

Il nome di Dio è dipinto sulle corolle dei fiori, scintilla sulla spuma delle onde, è innalzato in vetta alle colline.
Il nome di Dio è impresso nel sorriso di un bambino, nel bel volto di un giovane, nella tenerezza di un vecchio.
Il nome di Dio è custodito nel profondo del mio cuore!

Buon proseguimento di giornata.
Dani

mercoledì 10 febbraio 2016

10 febbraio 2016

Buongiorno, ecco il pensiero di oggi per la Quaresima da Qumran2.net:

La nostra fede è come cenere
(Pie Charts)

Signore, la nostra fede è come cenere,
tiepida e inconsistente!
La nostra speranza è come cenere:
leggera e portata dal vento.
Il nostro sguardo è come la cenere:
grigio e spento.
Le nostre mani sono come la cenere:
quanta polvere!
La nostra comunità è come la cenere:
quanta dispersione!
Signore Dio nostro, ti ringraziamo
perché nel cammino di quaranta giorni
che oggi iniziamo,
il soffio del tuo Spirito
accende di nuovo il suo fuoco
che cova sotto le nostre ceneri.
Amen


Buon proseguimento di giornata e buon inizio di cammino quaresimale a tutti!
Dani